giovedì 28 luglio 2011

Pensieri e incontri.

Sto pensando a tutto ciò che ho ancora da fare sul lavoro, sia quello vero dell’ufficio che quello più bello di sceneggiatore (aspirante) di fumetti
...
e al cielo azzurro che si vede in montagna quando, dopo lunga camminata, ti sdrai su una roccia a 2500 metri a godere della frescura mentre sorseggi acqua di sorgente
...
e a quell'aquila che comincia a volteggiare pensando ch'io sia cibo per lei
...
e a quel fischio di marmotta che ha visto l'aquila e mi scambia per suo simile avvertendomi del pericolo
...
e non dimentichiamoci del gruppo di stambecchi che sta attraversando quel costone roccioso della montagna di fronte sfoggiando le migliori doti equilibriste tipiche della specie
...
adzo da melk: è finita l'acqua!
uffa, mi devo rimettere gli scarponi per andare a prenderne altra
beh, visto che mi sono rimesso gli scarponi faccio che tornare a valle
...
e incontro un branco di camosci che saltellano giocherellando sul nevaio della parete nord del costone dove prima c'erano gli stambecchi
...
e incontro il contadino che va a controllare che le sue mucche siano tutte al loro posto; ci salutiamo e mi porge un pezzo di formaggio fresco; io ricambio lasciandogli l'avanzo del vino: buono scambio! :-)
...
e incontro un ermellino dalla livrea ancora marrone estivo
...
e vedo volteggiare gli enormi gipeti, proprio sulla mia testa: che spettacolo!
...
e finalmente torno a fiancheggiare il fiume che mi tiene compagnia fino a fondo valle col suo rumore assordante e rilassante al tempo stesso
...
e giungo a casa, dove mi aspetta una routine che adesso è meno invasiva perché sono più vicino alla natura che mi ha parlato per tutta la giornata
perché sono natura anch'io, e anch'io terrò compagnia – parlandole – all'altra parte di natura della mia vita: Annalisa... e tutti gli amici

strillo

martedì 26 luglio 2011

I signori delle colline

Ho terminato la lettura del secondo volume della trilogia delle Terre di Antonia Romagnoli.

I complimenti continuano, perché scrive veramente bene e riesce a tenere incollati al libro catturando l’attenzione con un ottimo mix di colpi di scena, suspense e situazioni “rosa”, senza far mancare quel tocco di ilarità – sempre posizionata al momento giusto! – per allentare la tensione.

Qualche piccola sbavatura l’ho riscontrata, probabilmente dovuta alla mancanza di una revisione attenta da parte di un correttore di bozze... in un paio di occasioni manca addirittura una parola (preposizione o verbo) e questo – pur se di fronte a un ottimo prodotto – non può passare liscio!

Quel che non ho capito bene da parte dell’autrice è il non aver comunque chiuso il volume, ma di rimandare la conclusione di ogni trama (principale o secondaria) al terzo e ultimo; capisco l’operazione di marketing (è anche un pochino il mio mestiere), ma da lettore non ho apprezzato.

Non mi resta che attendere l’arrivo di TRIAGRION (già, ho qualche difficoltà a reperirlo qui a Torino) per tributare l’ennesimo, meritato elogio all’autrice.

strillo

mercoledì 6 luglio 2011

E oggi sono 49 anni che il mio passo felpato calpesta la terra.

Non me li sento nemmeno tutti questi anni anche se ammetto di poter dire con fierezza che ne ho già viste di cotte e di crude, che ho una certa esperienza di come vanno le cose al mondo anche se c’è sempre qualcuno pronto a stupirci, che sto per raggiungere l’ambita meta del mezzo secolo (‘mmazza, un anno passa in un amen!).


La cosa che più apprezzo di questa mia vita è quella di poterla vivere al meglio, di poter sempre decidere di intraprendere una strada senza dover rendere conto ad alcuno (beh, la signora H ogni tanto – e giustamente – lo pretende)... insomma di essere tutto sommato libero di scegliere!

Ho un obiettivo che qualcuno di voi già conosce, ma voglio ricordarlo al piccolo mondo che mi segue: ho un titolo da far valere e cercherò con tutte le mie forze di diventare un vero sceneggiatore e, perché no, anche uno scrittore.

Non cerco i soldi, vorrei solo pubblicare e continuare su questa strada che sembra oramai asfaltata fino a quando vedo una meta.

strillo

... e non facciamoci mancare una bella torta!!!